MAFIA & COMPLICI " Cosca dei Pidocchi " - Garlasco come Sant’Angelo Muxaro……..uguali e identici
MAFIA & COMPLICI " Cosca dei Pidocchi "

Garlasco come Sant’Angelo Muxaro……..uguali e identici

 

Garlasco come Sant’Angelo Muxaro……..uguali e identici

 

Garlasco come Sant’Angelo Muxaro……..uguali e identici

 

 

 

Ci sono omicidi e omicidi se l’omicidio viene commesso al nord mezzi di comunicazione portano la gente alla nausea e al fastidio totale che non fanno altro che ricalcare in continuazione il fatto di cronaca, massiccia è la presenza delle forze dell’ordine e magistrati che indagano e interrogano i sospettati, gruppi scientifici come RIS  pronti a prelevare qualsiasi elemento utile all’indagine, l’intera cittadinanza collabora e partecipa perché è giusto che l’assassino o gli assassini della povera Chiara Poggi vengano assicurati alla giustizia.

 

Magistrati che hanno interrogato per decine e decine di ore i massimi sospettati per alcune lacune o incongruenze, stanno cercando di ricostruire dei tasselli mancanti anche con l’aiuto della scientifica.

Se io penso all’ omicidio di mio fratello Vincenzo Vaccaro Notte e faccio un paragone con l’allora magistrato di turno, Carmine Olivieri trascurò completamente la prassi dell’interrogatorio non chiese nessun appoggio scientifico, parte dell’indagine furono svolte con i piedi, decine e decine di verbali che io sottoscrissi mettendo in chiaro chi come e perché avrebbe potuto commettere il fatto.

Ribadisco nuovamente che tra nord e sud c’è una differenza abissale paragonando il lavoro investigativo….. testimoni che videro ma non parlarono e furono messi anche loro nel taccuino della Cosca de Pidocchi…..e si potevano evitare altri omicidi se avrebbero testimoniato.

Questo magistrato mise a repentaglio la mia vita e anche quella di mio fratello Salvatore Vaccaro Notte che purtroppo dopo 94 giorni dal primo omicidio, fu assassinato dai stessi mandanti e sicari che uccisero Vincenzo.

 

Ma la Sicilia fa parte dell’Italia?? Come mai indagini e mezzi televisivi svolgono in maniera molto ma molto diversa il lavoro che dovrebbe essere uguale per tutti?? O ci sono omicidi di serie A e omicidi di serie B?? Io noto una sola cosa che se viene commesso un omicidio in meridione se ne parla al massimo un paio di giorni ( senza risolvere quasi mai il caso ) se succede al nord ingenti aree boschive vengono abbattute per produrre carta per dare spazio alla notizia.

Sino agl’incubi notturni e non si vede l’ora che si chiude il caso per porre fine al calvario mediatico.

Non riesco a capire come mai questo magistrato con scarsa conoscenza della lingua italiana sia venuto a finire proprio ad Agrigento in una provincia calda dove la mafia è come il caffé ( lo si trova e si beve ovunque ).

 

Un’intero paese e provincia  è stato/a bonificato dalla feccia e di tanta sporcizia che per decenni ha mortificato la gente civile e onesta.

Sant’Angelo Muxaro un paese pieno di lacune e incongruenze che non ha memoria, un paese dove cercano di organizzare eventi culturali...... ma quale cultura ......se prima non si civilizza…un paese dove impiegati comunali e altri chiamavano confidenzialmente “CUSCI’” ( cugino ) o  “ CUMPA’ “ ( compare ) la feccia, la sporcizia, la cosca dei pidocchi… amministratori che hanno banchettato bevuto e organizzato membri e sottomembri assessori…. e consiglieri che si sono candidati per rappresentare chi?? Quando non vedono o fanno finta di non vedere quando non sono in grado di rappresentare se stessi

 

Negli ultimi tempi i giornali locali non fanno altro che riportare notizie pieni di “ TARITE “( MINKIATE )…….mi spiego meglio….basta che un giornalista scrive un articolo altri non fanno altro che ricopiarlo e apportare delle leggere modifiche…articolo in questione del GDS 13 Luglio 2007 ( stralci di verbali messi a disposizione di tutti dalla procura di Palermo )dove il pentito ( inutile prima….figuriamoci adesso!!! ) Giuseppe Salvatore Vaccaro spiega la dinamica dei fatti di come è stato commesso l’omicidio di mio fratello Vincenzo, la procura di Palermo sa perfettamente che punto per punto che è stato messo a verbale sulla dinamica su l’omicidio di mio fratello è solamente concime e sa che nemmeno una virgola di come ha riferito il mezzo NANO o TUPPAGLIU non corrisponde a vero, ritengo che queste notizie pubblicate sui giornali sono per l’ennesima volta lesive ed offensive nei confronti della mia famiglia perché non è accettabile che ogni fantascemenza in particolar modo detta da i pentiti Mongiovì Pietro meglio conosciuto come “SPATARU”  e Giuseppe Salvatore Vaccaro meglio conosciuto come “TUPPAGLIU o NANO” tutto ciò che riguarda l’omicidio dei miei fratelli.

Sarebbe stato meglio che il pentito u TUPPAGLIU o mezzo NANO avrebbe messo a verbale che è stato allattato sino all’età di 8 anni con il latte di un asino anziché di un’asina, avrebbe avuto più credibilità perché per l’omicidio di mio fratello Enzo animali e pidocchi come lui ( NANO - SPATARU ) ce n’erano tanti 

Chiedo che la procura di Palermo si limiti a divulgare notizie che non corrispondono a vero.

 

Ringrazio le numerose e-mail che ho ricevuto in particolar modo all’amico di Bolzano, Piemonte, Lombardia e principalmente anche da Garlasco che seguono con tanta solidarietà e molte altre città Italiane che sono state molto toccanti.

 

Angelo Vaccaro Notte

 

10:07 PM - Thursday 23 August 2007 - commenti {0} - Invia un commento

 

HACKERS & PIDOCCHI

 

 

Mi scuso con i fedeli frequentatori del sito ma purtroppo in questi giorni il sito ha ricevuto un ennesimo attacco degli hackers meglio conosciuti come PIDOCCHI, ma io credo che si tratta dei figli dei pidocchi.

Sto cercando di ripristinare in parte l’archivio e memoria del blog Cosca Dei Pidocchi che a mio dire credo che sta dando parecchio fastidio ai Pidocchi e non solo…

Marzo 2007 il sito festeggiava 20.000 visitatori stiamo migliorando la media…Agosto 2007 siamo a quota quasi 49.000 visite, il numero delle nazioni si è allargato sono 46 che vi si collegano e attingono a notizie che riguardano la mafia Agrigentina e dintorni, Cosa Nostra o meglio Cosa Inutile.

Malgrado l’impegno degli ortopedici che con cura e professionalità tengono sotto controllo le fratture multiple al KATASNEUS, ancora oggi mi costringono a non avere piene funzioni fisiche come dovrei, come colmo ancora una forma di balanite dovuta ad eccesso di tarite che mi auguro al più presto di curare, perchè limitano il mio operato.

Ringrazio a tutti gli amici, nemici e curiosi che continuano a seguire il sito.

Un caloroso ringraziamento va naturalmente agli amici di Teleacras, Sicilia TV, GdS, La Sicilia e Agrigento Notizie.

 

Cordiali saluti

 

Angelo Vaccaro Notte

 

09:15 PM - Wednesday 5 September 2007 - commenti {2} - Invia un commento

LAVORI IN CORSO

 

 

 

 

 

http://it.youtube.com/watch?v=7exg7aPZBNw

 

11:56 AM - Wednesday 5 September 2007 - commenti {4} - Invia un commento

 

Carlo Alberto DALLA CHIESA

 

Intitolazione della Caserma del Comando Regione Carabinieri 'Sicilia' al Generale C.A. M.A.V.M. Carlo Alberto DALLA CHIESA

Palermo,03/09/2007

 

In mattinata, a Palermo, si è svolta la cerimonia di intitolazione della Caserma sede del Comando Regione Carabinieri "Sicilia" al Generale di Corpo d'Armata M.A.V.M. Carlo Alberto DALLA CHIESA, nella ricorrenza del 25° Anniversario dell'uccisione avvenuta il 3 settembre 1982, ove persero la vita anche la moglie Emanuela SETTI CARRARO e l'Agente di Polizia Domenico RUSSO.

Presenti le Autorità di Governo, i familiari del Caduto, tra cui il figlio Nando DALLA CHIESA, ed il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri Gianfrancesco SIAZZU, che sono stati accolti dal Comandante Interregionale "Culqualber", Generale Giuseppe BARRACO, dal Comandante della Regione Carabinieri "Sicilia", Generale Arturo ESPOSITO, e dalle massime Autorità regionali civili ed ecclesiastiche.

Un momento della cerimoniaDeposizione di una corona di alloro al busto del Generale DALLA CHIESA

 

L'evento è stato preceduto dalla deposizione di una corona di alloro al busto del Generale DALLA CHIESA, ubicato nell'androne sede del Comando Regione, cui hanno fatto seguito la S. Messa in suffragio nella Chiesa di S. Maria Monserrato e la deposizione di corone nel luogo dell'eccidio, in via Isidoro Carini.

Durante la cerimonia è stata rievocata l'intensa carriera dell'Eroe.

Successivamente ha preso la parola il Generale Gianfrancesco SIAZZU che ha rivolto il proprio commosso saluto al Generale DALLA CHIESA: "Noi non l'abbiamo mai dimenticato e per me oggi e' una grande emozione essere qui. L'Arma vuole rendere omaggio al supremo sacrificio delle vittime di quel barbaro eccidio e lo fa intitolando al nostro Generale questa prestigiosa Caserma".

Deposizione di una conona d'alloro sul luogo dell'eccidio in Via Carini

 

Il Comandante ha poi rivolto un caloroso pensiero anche "ai familiari di tutti i nostri caduti ed in particolare ai parenti delle vittime della strage. […] Per l'Arma dei Carabinieri e' stato un onore e un privilegio averlo annoverato tra le sue file. E' stato un eroe del nostro tempo. Pensavo a quando, da giovane Capitano, ho avuto il Generale DALLA CHIESA come comandante a Torino. Era il tempo della lotta alle "Brigate Rosse" e ricordo la sua determinazione, i suoi interventi incisivi, l'ammirazione che destava in tutti noi giovani ufficiali. DALLA CHIESA si e' distinto nell'impegno contro il banditismo e la mafia. Fu un acuto osservatore dei fenomeni sociali e delinquenziali, cosa che lo ha portato a introdurre nuove tecniche investigative perfettamente aderenti alla realtà del tempo. Il Generale DALLA CHIESA aveva senso dello Stato, spirito di giustizia, onestà e temperamento. E aveva un'istintiva generosità e profonda umiltà. E' una icona del nostro tempo che ancora oggi suscita ammirazione e rispetto non solo tra i militari dell'Arma". […] Ispirata da questa figura splendida - ha concluso - questa fantastica Isola può ancora trovare forza e coraggio per continuare a lottare contro ogni forma di illegalità e oppressione".

Successivamente ha preso la parola il figlio Nando DALLA CHIESA che ha ricordato come suo padre "ha amato tantissimo Palermo e questa Regione. Diceva che qui sarebbe tornato e così e' stato. In questa caserma e in questa esperienza siciliana, credo abbia imparato ad essere comandante di uomini nel senso più pieno. E oggi deve essere titolo per l'Arma e per le Istituzioni ricordarlo e additarlo come esempio".

Un momento della cerimonia

 

"Era un uomo che amava il confronto con la gente" ha aggiunto il Sottosegretario all'Interno Alessandro PAINO. "La nomina di DALLA CHIESA a Prefetto di Palermo mirava a valorizzare le sue capacità di coordinamento. Il suo operato contribuì a far radicare l'idea che la lotta alla mafia non andava portata avanti unicamente dispiegando le forze dell'ordine sul territorio, ma cercando di far convergere tutte le energie disponibili verso un obiettivo unico. Questa inversione di tendenza rispetto all'approccio corrente sul finire degli anni '70 coincise proprio con il sacrificio del Generale".

L'evento si è concluso sulle note della Fanfara dei Carabinieri, alla presenza del reparto d'onore schierato, allorquando la madrina della cerimonia Agnese BORSELLINO, vedova del magistrato Paolo, ha scoperto la targa d'intitolazione all'ingresso della Caserma.

 

 

500.000 VISITE COMPLIMENTI !!!!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

     

 

 

 

 

08:38 PM - Tuesday 11 September 2007 - commenti {0} - Invia un commento

PER RICORDARE UN AMICO EROE FRANCESCO FRANCIAMORE TUNNEL VIAMALA SVIZZERA (GR)

TUNNEL VIAMALA SVIZZERA (GR)
16 settembre 2006

Ore 13 e 15 circa

È L INFERNO! ‘

 

         Il bus con a bordo la squadra di Hockey dei GDT urta contro un‘automobile che invade la corsia opposta.

 

 

         Dopo alcuni secondi un‘altro urto…

                                               È L‘INIZIO DELLA FINE

 

 

            In pochi secondi le fiamme e il fumo invadono il tunnel

 

         I passeggeri abbandonano le loro auto e tentano di mettersi in salvo fuggendo dal tunnel

 

         Alcune persone restano imprigionate nella loro auto.

 

 

                                                 2 EROI IN GALLERIA

 

2 OCCUPANTI DEL BUS, INVECE DI METTERSI IN SALVO, SI FERMANO A SOCCORRERE LE PERSONE RIMASTE PRIGIONIERE NEGLI ABITACOLI DELLE LORO AUTO… NON VENNERO MAI PIÙ FUORI DAL TUNNEL

 

 

FRANCESCO FRANCIAMORE

ACCOMPAGNATORE DELLA SQUADRA E PADRE DEL PORTIERE

 

CLAUDIA CODURI

MASSAGGIATRICE DELLA SQUADRA

 

 

BILANCIO DEL TRAGICO INCIDENTE

 

VEICOLI BRUCIATI

OLTRE 2 MILIONI DI DANNI

9 MORTI

22 FERITI

FAMIGLIE DISTRUTTE

 

Scontro tra un'automobile e un pullman

 

Lo scontro fra un'auto e un pullman nella galleria Viamala è avvenuto sabato pomeriggio verso le 13:15. Sul pullman viaggiavano i giocatori di una squadra di hockey su ghiaccio di Bellinzona, che milita nel campionato di prima lega. Una massaggiatrice e un addetto al materiale che accompagnavano la squadra erano ancora dispersi domenica.

 

Secondo un accompagnatore del club di hockey, l'incidente si è verificato quando un'auto, per evitare uno pneumatico perso dal mezzo che la precedeva, è andata a scontrarsi con il pullman che circolava in senso contrario. Al momento dell'impatto i due mezzi hanno preso fuoco e sono completamente bruciati. I soccorsi hanno trovato complessivamente nella galleria sette veicoli.

 

Un centinaio di persone tra pompieri, sanitari e polizia hanno partecipato alle operazioni di soccorso: l'incendio è stato spento dopo due ore, ma il fumo ha reso difficile l'evacuazione dei feriti.

 

11:31 AM - Friday 7 September 2007 - commenti {3} - Invia un commento

Ricordando Livatino

Agrigentoweb NEWS

19 / 09 / 2007 - 13.42.39

 

RICORRENZE
Ricordando Livatino

 

 

 La sottosezione di Agrigento dell'Associazione Nazionale Magistrati ha diffuso il programma delle iniziative per la commemorazione di Rosario Livatino, nel 17° anniversario della sua uccisione.
Giovedì 20 settembre alle ore 16.00,presso il Palazzo di Giustizia di Agrigento, nell'Aula Rosario Livatino si svolgerà una "Chiacchierata sulla legalità", con Gherardo Colombo.
L'incontro è aperto agli studenti delle scuole medie superiori della provincia ed alla cittadinanza. In apertura la prof.ssa Ida Abbate ricorderà Rosario Livatino.

Venerdi’ 21 settembre alle ore 9.30, a Canicattì, nella chiesa di San Domenico sarà celebrata una Messa in suffragio del giudice Rosario Livatino
A seguire, apposizione delle corone di fiori presso la stele sita sulla strada statale SS 640.

Sabato 22 settembre alle ore 9.30 – 18.00, presso il Palazzo di Giustizia di Agrigento, nell'Aula Rosario Livatino si svolgerà un incontro di studio interdisciplinare “Rosario Livatino” sul tema:“Autodeterminazione, Diritto alla vita, Eutanasia e Tutela Prenatale” organizzato e coordinato dagli Uffici per la Formazione decentrata del C.S.M. dei distretti di Palermo e Caltanissetta.

 

11:40 PM - Wednesday 19 September 2007 - commenti {0} - Invia un commento

Incendio nell’impianto del gruppo Catanzaro

Agrigentoweb NEWS

15 / 09 / 2007 - 15.13.51

 

CRONACA
Incendio nell’impianto del gruppo Catanzaro

 

 

Un incendio di origine incerta ha danneggiato le pareti esterni dell’ impianto di trattamento rifiuti Catanzaro nella zona industriale di Agrigento. Indaga la Polizia. Il titolare, Giuseppe Catanzaro, che e’ anche, come e’ noto, il presidente di ConfIndustria agrigentina, ribadisce la non certezza della matrice dolosa e quindi intimidatoria di quanto accaduto. ‘’ L’impianto sara’ chiuso per due giorni e poi sara’ nuovamente funzionante – annuncia Catanzaro il quale rilancia la necessita’ che gli imprenditori denuncino subito le pressioni intimidatorie di ogni genere, affrancando cosi’ il settore da ogni forma di ricatto ‘’. Catanzaro precisa di non avere ricevuto alcuna richiesta estorsiva e che, in linea con quanto di recente stabilito da ConfIndustria, ogni tentativo di estorsione sarebbe stato e sara' senza esitazione alcuna denunciato alle Forze di Polizia e quindi alla Magistratura.

 

(Nicolo’ Giangreco)

 

11:37 PM - Wednesday 19 September 2007 - commenti {0} - Invia un commento

Mafia: commemorato a Palermo Russo a 25 anni dalla morte

Agrigentoweb NEWS

16 / 09 / 2007 - 12.33.29

 

MAFIA
Mafia: commemorato a Palermo Russo a 25 anni dalla morte

 

 

 Orsola, il Prefetto di Palermo Giosue' Marino ed il Questore di Palermo Giuseppe Caruso hanno deposto una corona di fiori, per ricordare il sacrificio dell'agente Domenico Russo, ucciso dalla mafia. Alla cerimonia era presente anche il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri, Teo Luzi. L'Agente Domenico Russo, mori' il 15 settembre del 1982 in seguito alle ferite riportate durante l'agguato mafioso avvenuto il precedente 3 settembre in via Isidoro Carini, ove persero la vita il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro.

 

11:26 PM - Wednesday 19 September 2007 - commenti {0} - Invia un commento

 

11:31 AM - Jul. 26, 2008 - Invia un commento

Last Page Next Page
Descrizione
Questa “sporcizia” a sempre usufruito dell’appoggio delle amministrazione , a preparato a tavolino l’assassinio dei miei fratelli e quello mio , ma grazie a “DIO” e i miei cani che sono stati i miei “Angeli Custodi “ sono in vita ….. gestivano appalti , droga ,omicidi , estorsioni , intimidazioni , furti e tanto altro che verrà prossimamente alla luce….ma ne manca ancora “sporcizia” all’appello , aspettiamo ulteriori sviluppi…..tutti vedevano , tutti sapevano , tutti sanno .

«  April 2017  »
MonTueWedThuFriSatSun
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Home
Il mio profilo
Archivi
Amici
Album fotografico
MAFIA & COMPLICI " COSCA DEI PIDOCCHI "
MAFIA FOTO & VIDEO
liliumjoker-liliumjoker Feed XML offerto da BlogItalia.it



Contenuti recenti
- Sant’Angelo Muxaro su FACEBOOK
- SENTENZA SICANIA Da 83 a 32 anni!!!!!
- Suicida in carcere boss fermato ieri in maxi operazione "Perseo"
- Mafia, 100 fermi tra Sicilia e Toscana contro nuova "Cupola"
- La factory del dissenso Che cosa resterà.
- NDrangheta Arrestato il latitante Giuseppe De Stefano
- MAFIA GLI AFFARI DEI BOSS NEL TRAPANESE, ARRESTI E SEQUESTRI
- NDrangheta Omicidio Fortugno, pm chiedono 4 ergastoli
- "Italiaoggi" boccia il Sud ed Agrigento
- Mafia, arrestati 5 imprenditori "vicini" a Falsone
- Mafia: imprenditore anti racket indagato per riciclaggio
- Blitz antimafia a Catania
- MAFIA NEWS
- 'Ndrangheta, 24 fermi a Crotone. Perquisiti politici ed imprenditori
- SENTENZA SICANIA
- 'Ndrangheta, preso in Olanda Giuseppe Nirta
- Riina Jr trova lavoro al nord
- Mafia, si pente il boss Spadaro, è il settimo in un anno
- Casalesi, arrestato il figlio del boss Francesco Bidognetti
- Intervista ad Angelo Vaccaro Notte
- PROCESSO SICANIA CHESTE CONDANNE PER 83 ANNI DI CARCERE
- MAFIA NEWS
- Mafia e politica ad Alcamo, undici arresti
- PROCESSO SICANIA VERSO LA SENTENZA
- MAFIA NOTIZIE NEWS OTTOBRE 2008
- UN MESE DI CRONACA SETTEMBRE 2008 NEWS MAFIA NOTIZIE
- 'Ndrangheta, rimpatriato dal Canada boss Giuseppe Coluccio
- ARRESTO DEL LATITANTE PATRIZIO BOSTI
- LATITANTI RICERCATI WANTED
- ARRESTO DEL BOSS Giuseppe Coluccio - Patrizio Bosti
- liliumjoker
- liliumjoker VIDEO DI MAFIA OPERAZIONI ANTIMAFIA II
- liliumjoker ARCHIVIO VIDEO DI MAFIA OPERAZIONI ANTIMAFIA
- "BESTIA" SANTANGELESE
- Camorra, confermati gli ergastoli ai Casalesi
- Crotone, nuovo agguato mortale. Stazionaria la bimba in coma
- Bari, XIII Giornata in memoria delle vittime di Mafia: ''Siamo 100.000''
- Liliumjoker : “Googlegrams”
- LATITANTI RICERCATI
- MAFIA: AGGUATO A PARTINICO, DUE MORTI E UN FERITO
- AGRIGENTO Un anno di cronaca 2007 III Parte
- LILIUMJOKER
- ARRESTO DEI LO PICCOLO
- OPERAZIONE MARNA Denunce antiracket, 11 fermi
- Talpe alla Dda: chiesti 8 anni per Cuffaro - Il processo alle talpe della Dda continua
- Garlasco come Sant’Angelo Muxaro……..uguali e identici
- FOTO DEI LATITANTI DI MASSIMA PERICOLOSITA'
- PROCESSO SICANIA PRIME CONDANNE
- OPERAZIONE SICANIA 2 Operazione antimafia ad Agrigento
- Palermo: operazione antimafia.

Amici

Statistiche